Applicazione con drone di tricogramma per il controllo della piralide del mais

Skyinnov, un produttore francese di attrezzature per droni, presenta in questo articolo i vantaggi del controllo biologico della piralide del mais con mezzi aerei, attraverso la distribuzione di capsule di tricogramma, il nemico naturale della piralide.

1. La piralide: un parassita del mais

Importata accidentalmente dall’Asia nei primi anni 2000, con il commercio internazionale di piante, la falena è una specie di farfalla (lepidottero) le cui larve, sotto forma di bruchi, sono particolarmente ghiotte di mais, ma anche di bosso, girasole, luppolo, canapa, ecc.

I bruchi sono molto voraci e mangiano le foglie molto rapidamente, causando notevoli danni alle colture. La piralide scava anche gallerie negli steli del mais, indebolendo le piante e favorendo la comparsa di altre malattie, funghi, ecc.

Individuata più di recente, intorno al 2010, la piralide del bosso sta causando danni considerevoli anche in parchi e giardini, in assenza di un predatore naturale, grazie alla sua recente comparsa. È facile riconoscere un bosso infetto: le foglie sono tagliate e ci sono tracce di seta (come ragnatele). Se vi avvicinate alle foglie, vedrete subito molti piccoli bruchi dalla testa nera, molto riconoscibili.

Una volta che la piralide è comparsa nella coltura, quali sono i mezzi per controllarla? 

2. Mezzi di lotta contro la piralide del mais

Come abbiamo già detto, la falena è un insetto della famiglia delle farfalle, che attraversa quindi diversi stadi larvali (uovo, larva, bruco, farfalla, ecc.). I mezzi di controllo saranno adattati in base allo stadio larvale e naturalmente all’estensione delle colture da trattare. Per i bossi in abitazioni private o parchi, è meglio utilizzare uno spray mirato di bacillo di Turingia, un metodo naturale molto efficace.

In questa sede ci concentreremo su come controllare la piralide del mais in agricoltura. Possiamo distinguere 3 modi principali per controllare la piralide del mais: 

  • Mais geneticamente modificato (OGM)
  • Trattamento chimico (fitosanitario)
  • Trattamento biologico

Gli OGM sono la creazione di varietà di mais geneticamente modificate per renderle più resistenti ai predatori o ai funghi. Questa soluzione ha il vantaggio di limitare o addirittura vietare l’uso di prodotti chimici sulle colture, limitando così l’impatto ambientale e i costi di trattamento, nonostante il costo delle sementi sia superiore di circa il 15%. Si tratta di una varietà di mais Bt, autorizzata in Francia dal 2000. Tuttavia, c’è il rischio che gli insetti sviluppino una capacità di resistenza agli OGM e ci si interroga sulla loro efficacia a lungo termine. 

Il trattamento chimico delle parcelle di mais prevede l’uso di insetticidi (piretroidi), i cui effetti sulla salute della fauna selvatica e dell’uomo sono sempre più criticati. 

Infine, esiste una soluzione ecologica altrettanto efficace dei trattamenti chimici. Questa soluzione consiste nell’utilizzare un predatore naturale della piralide ben identificato: il tricogramma, su cui ci concentreremo.

3. Trichogramma, un predatore naturale della piralide del mais

A meno che non ci si trovi in cima alla catena alimentare, ogni essere vivente ha un predatore. Fortunatamente, questo vale anche per la piralide del mais. Alcuni uccelli o pipistrelli si nutrono di questo insetto, ma sembra complicato sfruttare questi predatori in agricoltura. Tuttavia, esiste una vespa microscopica la cui femmina ha il buon senso di deporre le uova nelle uova della falena, che quando si sviluppano uccidono il loro ospite per nutrirsi. La sfortuna di un uomo è il guadagno di un altro uomo, soprattutto per i coltivatori di mais 🙂

Questo minuscolo insetto, di dimensioni inferiori a 1 millimetro, è chiamato tricogramma. (genere trichogramma). 

Il Trichogramma è un parassitoide oofago. Questa caratteristica è stata sfruttata nel controllo della piralide del mais, una tecnica sviluppata negli anni Settanta. Questa tecnica consiste nell’uccidere la tarma nel suo uovo mediante l’uso massiccio di larve di Trichogramma, le cui femmine depongono le uova direttamente nelle uova della tarma. Queste larve uccidono l’ospite per nutrirsi e svilupparsi. Va inoltre sottolineato che il Trichogramma è sicuro per l’uomo e per gli altri animali selvatici.

In che modo il tricogramma può essere utilizzato efficacemente contro la piralide del mais nell’agricoltura moderna?

4. L’uso del tricogramma nell’agricoltura moderna

L’uso del tricogramma contro la piralide è la tecnica biologica più utilizzata in agricoltura in Francia, con oltre 125.000 ettari trattati ogni anno, pari a più di ¼ della superficie totale. Questa tecnica è molto efficace, ma richiede un controllo perfetto, che è stato perfezionato dalle ricerche condotte dall’INRA negli anni ’70 e poi da varie organizzazioni come INVIVO, ARVALIS, le camere dell’agricoltura, ecc. 

In effetti, “produrre” un tricogramma, cioè un essere vivente, non è così semplice come produrre sostanze chimiche. Sono state utilizzate diverse tecniche per immagazzinare il Trichogramma in un ospite surrogato (uova di tignola) e poi bloccare il processo di sviluppo del parassita a un certo stadio, al fine di mantenerlo per 9 mesi, da utilizzare in primavera nei campi di mais. 

Per ottimizzare l’efficacia del trattamento, i Trichogramma vengono mescolati in diversi stadi di sviluppo per controllare la piralide in tutti questi stadi. L’obiettivo è distruggere le uova quando vengono deposte prima che si schiudano.

Infine, è necessario spargere le larve di Trichogramma al momento giusto, cioè quando le prime falene depongono le uova. Ciò comporta un maggiore monitoraggio delle colture per regione per determinare il momento ideale. L’agricoltore dovrà quindi intervenire rapidamente e massicciamente per trattare efficacemente i suoi appezzamenti. Sono quindi disponibili diversi metodi per la diffusione di Trichogramma in campo. Può trattarsi di un metodo manuale in cui sarà necessario camminare attraverso i campi e poi posizionare le cialde di Trichogramma a una distanza fissa. Con appezzamenti di terreno fino a diverse decine di ettari, sembra difficile trattare efficacemente a mano. Esistono metodi meccanici che consistono nel depositare automaticamente capsule contenenti larve di Trichogramma a una distanza fissa. Esistono diversi tipi di attrezzature motorizzate che possono essere utilizzate per spostarsi nei campi, ma possono causare danni alle colture o essere ostacolate dalle condizioni del terreno o dai sistemi di irrigazione.

L’avvento del drone permetterà di rispondere efficacemente a queste sfide: coprire rapidamente grandi distanze senza danneggiare le colture, spargendo le capsule con grande precisione.

5. Applicazione di Trichogramma tramite drone

L’irrorazione aerea di Trichogramma richiede la produzione di capsule biologiche perforate (cellulosa, amido, ecc.) contenenti diverse centinaia di larve femminili di Trichogramma, che deporranno le uova nelle uova della piralide. Queste capsule saranno sganciate dall’aria a una distanza fissa utilizzando un drone appositamente attrezzato. La vita delle larve dura circa 7-8 giorni, quindi è necessario agire rapidamente. Il drone è quindi uno strumento estremamente efficace per raggiungere questo obiettivo.

Il drone può coprire 1 ettaro in soli 2 minuti, lasciando cadere una capsula (ogni 10 metri)! Inoltre, pilotare un drone è molto meno impegnativo e costoso di altri dispositivi a motore come elicotteri o aerei. Il drone vola a pochi metri sopra gli appezzamenti e può quindi sganciare le capsule con grande precisione. 

Per accompagnare gli esperti nell’irrorazione aerea con il drone, il produttore francese Skyinnov sta sviluppando una nuova generazione di spargitori di capsule di tricogramma con il drone. Controllati elettronicamente, questi spandiconcime sono altamente affidabili. Programmate il vostro drone per ogni appezzamento, impostate la velocità di spargimento e lasciate che il drone faccia il suo lavoro. Presenteremo questi spandiconcime in modo più dettagliato in un prossimo articolo.

drone spargitore di tricogrammi  

L’uso degli UAV nell’agricoltura moderna è ormai scontato, in quanto forniscono nuove soluzioni economiche, affidabili ed efficienti. Il rilascio di Trichogramma ne è un esempio perfetto, in quanto combina l’uso di soluzioni ecologiche nel trattamento di un parassita con una tecnologia all’avanguardia per garantire la produttività e l’integrità dell’appezzamento. Non c’è dubbio che l’uso dei droni in agricoltura accelererà nei prossimi anni. 

Scoprite in video il principio di funzionamento del rilascio di tricogrammi tramite drone, realizzato dalla società AEROVISION in Alsazia:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn

Our recent articles